“Delitto all’imbrunire”, Filippo Di Pino

“Una voce musicale, dall’accento esotico fece girare il capitano. Una giovane donna, attorno ai trent’anni, lo guardava con curiosità.

Intervenne la madre.

«Il signore è un carabiniere e deve parlare con Vito.»

«Mio marito sarà di ritorno fra poco. Io sono Gracia, lei è mia madre Francisca e quella – disse indicando la ragazzina con un sorriso – è mia figlia Maila.»

Calì fece un lieve inchino: tre donne e tre generazioni. Si assomigliavano così tanto da sembrare la stessa persona in diverse età della vita. Era colpito, non solo dalla somiglianza che le legava, ma dalla fiduciosa spontaneità della loro accoglienza, priva di qualsiasi diffidenza.”

Frase tratta da “Delitto all’imbrunire”, di Filippo Di Pino

Leggete l’estratto gratuito cliccando qui!

Un pensiero riguardo ““Delitto all’imbrunire”, Filippo Di Pino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...